L’undicesima meraviglia

Armento (Arëmient in dialetto lucano) è un comune italiano di 609 abitanti della provincia di Potenza, in Basilicata.

Geografia fisica
Sorge a 710 m s.l.m. in Val d’Agri, nella parte centro-meridionale della provincia, anche se il suo territorio è compreso tra i 325 m s.l.m. e 1080 m s.l.m. ed è collegato alla Strada statale 598 di Fondovalle dell’Agri. Confina con i comuni di: Montemurro e San Martino d’Agri (12 km), Guardia Perticara (14 km), Corleto Perticara e Gallicchio (15 km), San Chirico Raparo (19 km). Dista 69 km da Potenza e 103 km dall’altra provincia lucana Matera.

Storia

Abitato fin da tempi remoti (come dimostra la straordinaria quantità di ritrovamenti), Armento sorge sull’antica Galasa (in greco Γάλασα), città dei tempi della guerra di Troia, di cui si conosce ben poco. Furono rinvenuti i resti delle sue mura ed alcuni luoghi sacri alle divinità greche. Un’altra campagna di scavi ha portato alla luce una necropoli, oltre ad un gran numero di ceramiche conservate oggi nei musei di Policoro, Potenza, Napoli, Monaco di Baviera e Londra. A Monaco in particolare è conservata la corona d’oro di Critonio, con foglie e rami d’oro intrecciati, ritrovata in un sepolcro nel 1813. Del periodo romano sappiamo invece che il console Terenzio Lucano, reduce da Cartagine[personaggio non identificato], venne a risiedere nel luogo chiamato Casale, e le rovine del suo palazzo sono tuttora visibili. Con l’arrivo dei monaci basiliani, che attorno all’Anno Mille si stanziarono in Val d’Agri, Armento riacquista importanza (il nome deriverebbe dal greco bizantino Armés, Arméntos, Αρμέντος). Uno di questi monaci, San Luca di Demenna, sconfisse i Saraceni (che provenivano dal Vulture) nel luogo oggi chiamato Serra San Luca. Un altro monaco basiliano legato al paese è San Vitale di Castronovo, poi divenuto compatrono di Armento. Successivamente Armento segue la storia dell’Italia meridionale, dominio svevo, angioino e spagnolo. Divenne con Montemurro feudo della sede episcopale di Tricarico. Nell’Ottocento seguì le vicende dei moti carbonari prima, e dell’insurrezione lucana poi, passando al Regno d’Italia. Oggi Armento è uno dei classici paesi del mezzogiorno, come gli altri della zona, che subisce la triste piaga dell’emigrazione.

Architetture religiose

La chiesa madre, dedicata a San Luca abate, costruita nel 1957 in seguito al crollo dell’antica chiesa (risalente al 1040), avvenuto dieci anni prima. Conserva antiche statue di santi, oltre a un polittico di autore ignoto, e conserva le spoglie mortali del santo.

La cappella di San Vitale, con affreschi seicenteschi rappresentanti la vita e i miracoli del Santo, era in origine la cripta dell’antichissima chiesa madre. Conserva inoltre un mezzobusto ligneo del Seicento raffigurante San Francesco da Paola, oltre ad affreschi sulla crocifissione di Gesù.

La Cappella di Santa Lucia, risalente al Settecento, conserva statue e tele della stessa epoca.

Chiesa di Sant’Antonio di Padova, era anticamente il luogo dove avveniva la benedizione degli animali.

Il santuario della Madonna della Stella, in località omonima, risale al Settecento.

Archeologia

Nel territorio agrario di Serra Lustrante , ad Armento, è stata rinvenuta nel 1814 la corona di Kritonios.

Persone legate ad Armento

San Luca di Demenna, presbitero, abate e santo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi