La quarantatreesima meraviglia

Sant’Angelo Le Fratte è un comune italiano di 1.426 abitanti della provincia di Potenza in Basilicata.
La storia
Le prime tracce di insediamenti risalgono al IV secolo a.C., sin dall’Età del Ferro, con popolazioni di origine greca e romana, come testimoniato dal ritrovamento di una antica fornace di epoca romana.
I primi dati certi sull’esistenza di Sant’Angelo Le Fratte, però, rimandano agli scritti del secondo Medioevo (XI secolo).
Diverse sono le ipotesi che aleggiano attorno al nome del paese, in origine “Castrum Sancti Angeli de Fratis”, per alcuni a testimonianza dell’appartenenza alla chiesa. In realtà la denominazione sarebbe connessa alla forte devozione della popolazione al Santo Patrono: l’Arcangelo Michele, mentre la seconda parte del nome “Le Fratte” deriverebbe dal participio passato passivo dal verbo latino “frango” (spaccare), con evidente riferimento alla montagna spaccata Carpineto.
Il patrimonio culturale
Sant’Angelo Le Fratte è il paese delle “Cantine”, raggiungibili attraverso un affascinante percorso tra il verde del paesaggio e l’ombra dell’imponente roccia che sovrasta il paese.
Incamminandosi alla scoperta del borgo si calpestano stradine lastricate e in breve ci si ritrova davanti agli originali murales che dominano le facciate delle abitazioni, sviluppando ciascuno un tema legato alla vita del posto.
A sorpresa, in diversi angoli del centro, sculture marmoree e bronzee a grandezza naturale sembrano trovarsi lì per accogliere il visitatore e condividere con lui un momento della vita quotidiana presente e passata e assicurargli la migliore ospitalità a Sant’Angelo.
Proseguendo, ad un centro punto si impone allo sguardo Palazzo Galasso, sede del Municipio, e ubicata in una antica dimora storica facente parte del complesso municipale si trova la Pinacoteca Civica “Michele Antonio Saverio Cancro” che contiene 243 opere di Michele Antonio Saverio Cancro, donate dall’artista in segno di amore e di stima verso la cittadinanza del suo paese natìo.
Mentre fuori dal paese, in località Santa Maria Fellana, si erge Villa Giacchetti, in cui è conservato un ciclo di affreschi con decorazione rococò risalente al ‘700.
Da non perdere anche il “Presepe in Poliestere”, in esposizione permanente nella grotta del vecchio Convento basiliano.
Monumenti e luoghi d’interesse
Palazzo Galasso, sede municipale
Villa Giacchetti (XVIII secolo)
Chiesa Madre del Sacro Cuore e San Michele Arcangelo (XVII secolo), denominata come Santa Maria Maggiore, poi S. Maria ad Nives, durante il periodo vescovile ha svolto le funzioni di cattedrale temporanea della diocesi di Satriano. Conserva al suo interno diverse opere d’arte fra cui la Madonna del Rosario e la Natività, due dipinti attribuiti a Giovanni De Gregorio;
Chiesa dell’Annunziata
Cappella del Carmine (1858)
Cappella di S.Maria
Cappella della Madonna di Viggiano
Eremo francescano
I Murales
Le Cantine
Eventi
1º maggio: festa in onore di S.Giuseppe Lavoratore
8 maggio: festeggiamenti in onore di S.Michele Arcangelo
13 giugno: festa in onore di S.Antonio da Padova
2 luglio: festa in onore della Madonna delle Grazie
12-13-14-15 agosto: Cantine aperte
28 settembre: festa in onore della Madonna di Viggiano
29 settembre: festeggiamenti in onore di S.Michele Arcangelo
13 dicembre: festa in onore di S.Lucia Vergine e Martire

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi