La venticinquesima meraviglia

Castelgrande è un comune italiano di 926 abitanti della provincia di Potenza, in Basilicata. Arroccato su uno spuntone di roccia, risale agli anni intorno al mille, anche se tracce di insediamenti umani in tutto il territorio sono più antichi. L’abitato sorgeva intorno ad un castello, probabilmente di origine longobarda, andato distrutto a causa di terremoti, circondato dal verde dei boschi lucani.

Storia

Il primo riferimento a Castelgrande risale al 1239, in quella fase in cui l’Imperatore Federico II impartisce disposizioni rispetto alla manutenzione dei castelli.

Diversi avvenimenti storici caratterizzano il passato del paese: nel 1648 è un castelgrandese a guidare gli insorti durante la rivolta anti spagnola, il suo nome era Matteo Cristiano. Negli anni successivi una terribile peste investe il paese decimando gran parte della popolazione.

Il nome del piccolo borgo è legato a quello di Guglielmo Gasparrini, che nasce a Castelgrande nel 1803. Si tratta del botanico tra i più illustri del XIX secolo, morto a Napoli nel 1866. In suo onore, in occasione del centenario della scomparsa è stato eretto un busto bronzeo in piazza Dante.

Geografia fisica

Arroccato a 950 m s.l.m. è posto nella parte nord-occidentale della provincia al confine con la parte nord-orientale della provincia di Salerno. Confina con i comuni di: Muro Lucano e Pescopagano (11 km), Rapone (12 km), Laviano (SA) (14 km) e San Fele (20 km). Dista 59 km da Potenza e 157 km dall’altra provincia lucana di Matera.

Onorificenze

Medaglia d’oro al Merito Civile – nastrino per uniforme ordinaria

Medaglia d’oro al Merito Civile

«In occasione di un disastroso terremoto, con grande dignità, spirito di sacrificio ed impegno civile, affrontava la difficile opera di ricostruzione del proprio tessuto abitativo, nonché della rinascita del proprio futuro sociale, economico e produttivo. Mirabile esempio di valore civico ed altissimo senso di abnegazione.»

— 23 novembre 1980

Monumenti e luoghi d’interesse

Il Parco dei Colori

Il Parco dei Colori – unico Parco Botanico in tutta la Basilicata[senza fonte] – è dedicato al celebre botanico Guglielmo Gasparrini (Castelgrande, 1803 – Napoli, 1866). Ideato e progettato dal prof. Renato Spicciarelli, docente dell’Università degli Studi della Basilicata e profondo conoscitore del valore scientifico dell’opera di Gasparrini, il parco sorge in località Coppolo e si estende su una superficie di circa 2 ettari. In quest’area confluiscono habitat naturali molto diversi tra loro. Vista dall’alto, assume i contorni di una foglia con una nervatura centrale che si identifica nell’impluvio principale del terreno. A metà circa di tale nervatura è stata collocata la “goccia di rugiada”, la Butterfly House, una grande semisfera trasparente all’interno della quale una vegetazione lussureggiante ospita farfalle provenienti da tutto il mondo: “…le variopinte ali in movimento delle farfalle rispecchiano i colori della luce quando si rifrange in una goccia d’acqua” (Spicciarelli, 2014). Il Parco e la Butterfly House sono gestite dal Luglio 2014 dall’Associazione di promozione sociale Aphelion che ha reso operative e fruibili ai visitatori e alle scolaresche entrambe le strutture fin dal giorno in cui sono state inaugurate, nell’ottobre 2014.

L’osservatorio astronomico

Magnifying glass icon mgx2.svg                Lo stesso argomento in dettaglio: Osservatorio astronomico di Castelgrande.

Degno di nota è l’Osservatorio astronomico di Castelgrande, chiarire|il più grande d’Europa, di recente[a quando risale?] costruzione; vi ha sede il SINGAO (Southern Italy Neutrino and Gamma Observatory), il primo centro internazionale in Italia per esperimenti in astrofisica. L’osservatorio, situato sul monte Toppo di Castelgrande, ospita un telescopio altazimutale con uno specchio riflettore del diametro di 160 cm dotato di ottica adattiva. La struttura scientifica è gestita dall’Osservatorio astronomico di Capodimonte (Napoli).

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi